Skip to main content

Newsletter

entra nella famiglia di AltroStile e riceverai i manuali del benessere e contenuti in anteprima, potrai disiscriverti quando vorrai


Rimaniamo in CONTATTO

entra nella famiglia di AltroStile e riceverai i manuali del benessere e contenuti in anteprima, potrai disiscriverti quando vorrai

Equilibri Umani di Patrizia Landini

Ogni mercoledì alle 18:30,  in diretta con voi per parlare di
Alimentazione, Benessere, Medicina tradizionale e complementare.
In studio, Ospiti di Settore.
Direzione Tecnica e Artistica di Alessandro Castagna


, ,

Memoria: 10 modi per migliorarla

Memoria, l’intuizione chiave è stata imparare a pensare per immagini, piuttosto che per parole.
Memoria AltroStile Salute E Benessere

Memoria, il Professore di neurologia Richard Restak fornisce suggerimenti chiave per migliorarla.

Come rafforzare la memoria

I metodi per rinforzare la memoria possono essere fatti risalire a centinaia, se non a migliaia di anni fa. L’intuizione chiave è stata imparare a pensare per immagini, piuttosto che per parole. Questo ha senso, perchè siamo principalmente creature visive che ricordano meglio le immagini, piuttosto che le parole.

La vera sfida per la nostra memoria (e intelligenza) è correlare cose che normalmente non vengono pensate insieme. Le immagini sono più efficaci come suggerimenti di memoria quando sono stravaganti, inappropriate e persino oltraggiose rispetto agli oggetti che le hanno ispirate. Ecco alcuni suggerimenti chiave da praticare per la conservazione e la salvaguardia della memoria.

1. Usa tutti i tuoi sensi

Immagina di bere un caffè. Non solo puoi immaginare di farlo, ma puoi anche immaginare di annusare il suo delizioso aroma. Nella tua immaginazione puoi assaggiarlo e assaporarlo mentre scorre sulle tue papille gustative. L’esperienza del caffè è sia verbale (denominandolo e descrivendolo), sia sensoriale (assaggiandolo, annusandolo).

Nomi come “sedia” e “quaderno” possono essere descritti e immaginati in modi diversi (la comodità della sedia, la morbidezza o la durezza del quaderno e così via). Più sensi possono essere reclutati, più è probabile che sarai in grado di formare una memoria duratura, poiché sono coinvolte più aree del cervello.

2. Crea storie significative

I nostri cervelli sono progettati per lavorare con il significato. Se il significato non è ovvio, lo creiamo. Il modo più semplice per organizzare le informazioni non correlate è inserire le cose che stai cercando di ricordare in una cornice, come una storia o una rima.

3. Crea il tuo teatro della memoria

Fu l’architetto e filosofo del XVI secolo Giulio Camillo a suggerire il teatro della memoria come un modo di usare immagini e loci (la posizione di queste immagini) per ricordare. Afferma il Prof. Restak: “Il metodo loci rimane uno dei più popolari usati dai mnemonisti e alcuni di quelli che uso sono 1) casa mia, 2) una biblioteca vicina e 3) un bar.

Quindi, se voglio ricordare, diciamo, tre elementi – latte, pane, anguria – ecco come lo farei. Casa: immagina la casa come una pinta di latte girata su un lato con il latte che fuoriesce dal camino. Biblioteca: quando guardo attraverso la finestra lunga fino al pavimento di fronte a me, vedo pagnotte di pane invece di libri sugli scaffali. Caffetteria: una gigantesca tazza di caffè su un tavolo all’esterno contiene un’anguria. Crea un elenco più lungo dei tuoi loci e inserisci in essi un elenco di elementi casuali: più bizzarre o irriverenti sono le immagini che ti vengono in mente, più facile sarà ricordarle.”

4. Usa l’associazione

Pensare semplicemente a come due o più cose possono essere associate richiede concentrazione e attenzione, due attività cerebrali che da sole portano a una memoria potenziata. Come disse lo scrittore del XVIII secolo Samuel Johnson: “L’arte della memoria è l’arte dell’attenzione”.

5. Pensa come un Navy Seal

Gli esercizi di consapevolezza situazionale sono utilizzati dai Navy Seals statunitensi e da altri rami dell’esercito. Su richiesta un militare deve essere in grado di descrivere l’ubicazione delle porte e delle finestre della stanza in cui si trova, insieme ad altri dettagli che sarebbe utile ricordare per poter effettuare una rapida fuga in caso di un attacco nemico.

Per farti un’idea, la prossima volta che ti trovi in ​​un ristorante, chiudi gli occhi per qualche secondo e immagina mentalmente la disposizione delle persone sedute intorno a te ai tavoli vicini. Se sei come la maggior parte delle persone, probabilmente non farai molto bene questo esercizio di memoria, la prima volta che lo provi. L’obiettivo è quello di impiegare la tua attenzione come un proiettore che scruta il cielo notturno. Più pratichi, maggiore è l’ampiezza e la profondità della tua memoria. Ricorderai di più perché in un dato momento, la tua memoria comprende aree più ampie delle tue immediate vicinanze.

6. Guardati dentro

Un passo oltre sono gli esercizi situazionali diretti verso l’interno. Gli esercizi situazionali che coinvolgono l’autoesplorazione vengono utilizzati nei seminari di scrittura creativa. Dopo aver incontrato persone sconosciute in un contesto sociale, all’aspirante romanziere viene chiesto di incorporarle nella trama di un romanzo o di un racconto.

Come esercizio per ricordare un gruppo di persone sconosciute, puoi inventare una storia visivamente vivida intorno a loro. Un metodo simile al guardarsi dentro è usato nella formazione degli psicoanalisti. Si parla di autoanalisi, il primo paziente non era altro che Sigmund Freud.

Prova a fare “chunking” per ricordare i numeri

Guarda questa lunga stringa di cifre per un minuto:

3493705272227500454680208713456553700678192165234456807561450359492340096067659087

Ora voltati e scrivi quanti ne ricordi, partendo da sinistra. Quanti sei riuscito a tirarne fuori? Secondo il Montreal Cognitive Assessment (Moca), il gold standard tra i test di screening neuropsicologici, la tua performance è accettabile se ne ricordi cinque o più. Ma qual è il limite massimo di numeri che possono essere ricordati da un gruppo di persone scelte a caso?

Negli anni ’40, lo psicologo di Harvard George Miller misurò la capacità della memoria a breve termine delle persone per le cifre e scoprì che la maggior parte delle persone era in grado di ripetere stringhe da cinque a nove lettere. Ora vediamo un metodo per ripetere più di 20 cifre al primo tentativo! Dai un’altra occhiata alle cifre che hai tentato di memorizzare e disponile in questo modo:

349-370-5272

227-500-4546

802-087-1345

655-370-0678

192-165-2344

568-075-6145

035-949-2340

096-067-6590-87

Dovrebbero essere necessari solo pochi minuti per ottenere i primi tre numeri di telefono, (il Professor Restak è inglese e fa riferimento ai numero telefonici UK, ma il principio resta immutato). Ma anche se riesci a ricordare solo due dei primi tre numeri, hai raggiunto una memorizzazione di 20 numeri, di gran lunga superiore ai cinque numeri del test neuropsicologico standard. Il principio organizzativo all’opera qui si chiama chunking: convertire numeri casuali in una stringa mnemonica, come un numero di telefono, in modo che il tuo cervello possa trovare un modo per imporre un significato a una sequenza priva di significato.

8. Utilizzare schermi di computer più grandi

Per formare immagini mentali della massima chiarezza, è meglio separare quelle immagini in modo che non si sovrappongano. Ad esempio, se utilizzi un iPad, vedrai le stesse immagini di un computer da scrivania con un grande schermo.

Ma c’è una grande differenza quando si tratta di memorizzarli, quindi la prossima volta che leggi un articolo importante, un documento di lavoro o memorizza una mappa o una foto, scegli lo schermo più grande a tua disposizione. I display più grandi sono meglio ricordati nell’immaginazione. Display più piccoli portano a una messa a fuoco visiva più ristretta e, di conseguenza, a una minore formazione di memoria.

9. Potenzia la tua “memoria di lavoro” per aumentare l’intelligenza

La memoria di lavoro, spesso descritta come la “regina della memoria”, è essenzialmente la capacità di mantenere in primo piano un’informazione mentre rivolgi la tua attenzione a qualcos’altro. Guarda a quanti primi ministri riesci a pensare, a partire da Rishi Sunak e tornando indietro il più lontano possibile. Ora elenca i loro nomi in ordine alfabetico.

Per fare ciò, devi spostare mentalmente i nomi e riordinarli. Quello che stai facendo è codificare un elemento mantenendo l’accesso agli elementi richiamati pochi istanti prima. Questa è la memoria di lavoro in azione. Gli esperti lo considerano la base per l’intelligenza generale e il ragionamento. In generale, le persone che riescono a tenere a mente il maggior numero di elementi sono le migliori nel considerare contemporaneamente più aspetti di un problema.

10. Continua a metterti alla prova e non mollare

Infine, una tecnica molto efficace per migliorare la tua memoria è continuare a testare te stesso sul materiale che vuoi ricordare. Anche dopo aver imparato qualcosa, la tua memoria a lungo termine sarà rafforzata se ti sfidi ripetutamente a ricordarla.

  • The Complete Guide to Memory: The Science of Strengthening Your Mind Prof. Richard Restak (Penguin Life, £ 18,99)
Articolo a cura di:

Patrizia Landini

Giornalista di Salute e Benessere

La nostra TV che da sempre è la nostra finestra sul mondo della crescita evolutistica dell’umanità.
Dal 2011 Partner Ufficiale di YouTube, seguirà costantemente il nostro lavoro di divulgazione e supporto delle buone pratiche