Skip to main content

Newsletter

entra nella famiglia di AltroStile e riceverai i manuali del benessere e contenuti in anteprima, potrai disiscriverti quando vorrai


Rimaniamo in CONTATTO

entra nella famiglia di AltroStile e riceverai i manuali del benessere e contenuti in anteprima, potrai disiscriverti quando vorrai

Equilibri Umani di Patrizia Landini

Ogni mercoledì alle 18:30,  in diretta con voi per parlare di
Alimentazione, Benessere, Medicina tradizionale e complementare.
In studio, Ospiti di Settore.
Direzione Tecnica e Artistica di Alessandro Castagna


, ,

Menopausa, ormoni e rimedi naturali

Menopausa, tra TOS e rimedi fitoterapici per viverla con serenità.
Menopausa AltroStile Salute E Benessere

Menopausa, la Terapia Ormonale Sostitutiva è passata da grande rimedio a oggetto di studi e controversie.

TOS

È stato dimostrato che iniziare la terapia ormonale sostitutiva entro i primi cinque anni dalla menopausa o prima dei 60 anni di età può ridurre il rischio di problemi cardiovascolari e osteoporosi, tra gli altri benefici. Questo concetto, noto come “finestra di opportunità”, suggerisce che la tempistica dell’inizio della terapia è fondamentale per massimizzare i benefici e minimizzare i potenziali rischi.

Rischi e benefici della terapia ormonale sostitutiva

Nonostante i benefici, la terapia ormonale sostitutiva non è priva di rischi. Gli studi hanno dimostrato che l’uso prolungato di estrogeni e progestinici combinati può aumentare il rischio di tumore al seno, coaguli di sangue, ictus e infarto. Tuttavia, il rischio varia a seconda della donna, del tipo di terapia ormonale e della durata del trattamento.

Per ridurre al minimo i rischi, gli specialisti raccomandano di utilizzare la dose più bassa possibile per il minor tempo necessario a controllare i sintomi. Inoltre, è importante monitorare regolarmente la salute della donna e adattare la terapia in base alle sue esigenze e alla risposta al trattamento.

Alternative alla terapia ormonale sostitutiva

Alcuni dei sintomi più comuni della menopausa includono vampate di calore, sudorazioni notturne, sbalzi d’umore, secchezza vaginale e difficoltà a dormire. Questi sintomi possono essere causati dalla diminuzione dei livelli di estrogeni, che colpisce l’ipotalamo nel cervello, la parte del cervello che regola la temperatura corporea.

Per le donne che non possono, o non vogliono, intraprendere la terapia ormonale sostitutiva, esistono diverse alternative per affrontare i sintomi della menopausa. Queste includono:

  1. Cambiamenti nello stile di vita: mantenere una dieta equilibrata, fare esercizio fisico regolare, limitare il consumo di alcol e caffeina e praticare tecniche di rilassamento può aiutare a gestire i sintomi della menopausa e promuovere il benessere generale.
  2. Rimedi fitoterapici: la fitoterapia è stata usata per secoli per trattare i sintomi della menopausa, alcuni integratori a base di erbe, come la cimicifuga e il trifoglio rosso, che può aiutare a ridurre le vampate di calore, possono offrire sollievo dai sintomi della menopausa, anche se la loro efficacia non è stata dimostrata in modo conclusivo. Alcune delle erbe più popolari per la menopausa includono: cohosh nero, dong quai e olio di enotera. Il cohosh nero è forse il rimedio a base di erbe più noto per la menopausa. È stato dimostrato che aiuta ad alleviare vampate di calore, sudorazioni notturne e sbalzi d’umore. Chasteberry: questa erba può aiutare a regolare gli ormoni e ridurre le vampate di calore e altri sintomi. Dong quai è un’altra erba che è stata usata nella medicina tradizionale cinese per secoli per trattare i sintomi della menopausa. Contiene fitoestrogeni e può aiutare ad alleviare vampate di calore, sudorazioni notturne e secchezza vaginale. L’olio di enotera è anche un rimedio a base di erbe popolare per la menopausa. Contiene acido gamma-linolenico (GLA), che può aiutare a ridurre l’infiammazione e alleviare le vampate di calore. Il Ginseng aiuta ad alleviare l’affaticamento, migliorare l’umore e aumentare la funzione cognitiva. Salvia: la salvia è stata usata per secoli per trattare i sintomi della menopausa. Può aiutare a ridurre le vampate di calore e migliorare la qualità del sonno.
  3. Farmaci non ormonali: alcuni farmaci, come gli antidepressivi, possono aiutare a gestire i sintomi specifici della menopausa, come le vampate di calore e i disturbi dell’umore.
  4. Terapie alternative: alcune donne trovano sollievo dai sintomi della menopausa attraverso l’agopuntura, il massaggio, la meditazione e altre terapie alternative.

Tos per i sintomi fastidiosi della menopausa

La terapia ormonale sostitutiva può essere un’opzione efficace per le donne che soffrono di sintomi fastidiosi della menopausa o che entrano in menopausa anticipata. Tuttavia, è essenziale che la decisione di intraprendere la terapia sia presa dopo un’attenta valutazione dei rischi e dei benefici individuali e in consultazione con uno specialista.

Le donne dovrebbero essere informate e coinvolte nel processo decisionale riguardo alla terapia ormonale sostitutiva, considerando le opzioni alternative e lavorando

Il rischio tumore

«Gli ormoni non vanno demonizzati, soprattutto perché non sono la causa diretta del tumore» spiega la presidente designata della International Menopause Society. «Possono bensì accelerare la crescita di un eventuale tumore ormono-sensibile già presente. È perciò indispensabile che chi assume la Tos si sottoponga scrupolosamente agli screening di rito. Ma va anche ricordato che basta bere tre bicchieri d’alcol al giorno o essere in sovrappeso per veder crescere la probabilità di cancro al seno del 40 per cento. Molto più di quanto accada con la terapia sostitutiva».

La qualità di vita

Un equilibrio ormonale adatto a ciascuna è fondamentale, e il processo di invecchiamento è più rapido in chi manifesta sintomi. Questo va contrastato il più possibile perchè potrebbe portare a un peggioramento della qualità della vita negli anni a venire e portare malattie neurodegenerative, osteoporosi, eventi cardiovascolari.

Prescrivere le terapie ormonali in modo specifico è un ottimo sistema per mantenere la salute più a lungo, riducendo i dosaggi in modo graduale. Nel frattempo si possono inserire e imparare nuovi stili di vita, una sana alimentazione, esercizio fisico e gestione dello stress.

In ogni caso, se una donna non ha problemi ad affrontare il deficit di estrogeni, non è necessario somministrare ormoni, ma supplementi a base di calcio, vitamina D, magnesio, melatonina o fitoestrogeni.

Articolo a cura di:

Patrizia Landini

Giornalista di Salute e Benessere

La nostra TV che da sempre è la nostra finestra sul mondo della crescita evolutistica dell’umanità.
Dal 2011 Partner Ufficiale di YouTube, seguirà costantemente il nostro lavoro di divulgazione e supporto delle buone pratiche